Riscopriamo la lettura

RISCOPRIAMO LA LETTURA

 

– In questo libro il protagonista sei tu. –

Correva l’anno 1989 ed avevo da poco iniziato la prima media. Non avevo problemi se non una cotta segreta non ricambiata, e dalle tribune del campo da calcio di paese mi gridavano “Vai Schillaci!”, probabilmente per l’espressività degli “occhi da matto”. L’estate seguente, quella dei mondiali italiani del ’90, fu caratterizzata per quel che mi riguarda anche da intense letture. Sì, perché la mia professoressa d’italiano ci incoraggiò alla lettura facendoci scoprire i Librogame.

Con questo nome la casa editrice E.L. (di cui detiene il marchio) pubblicò in Italia svariati titoli di svariate serie di libri gioco, dove, ognuna con regole proprie, alla fine di un paragrafo proponeva una scelta, dipendentemente dalla quale saresti dovuto andare a leggere il paragrafo corrispondente.

 

 

Quindi comprai i miei primi due volumi, ad un mercatico creato ad hoc dal comune nella propria bliblioteca:

  1. I labirinti di Krarth (primo della serie BloodSword)
  2. Il castello della morte (numero 7 della sere Lupo Solitario)

 

BOOM! Scoppiò l’amore per questi libri che i miei mi regalavano in continuazione. Adesso ne ho un bel po’ e mi ritengo più che soddisfatto in attesa di rileggerli con la prole.

La mia collezione:

Negli ultimi anni c’è stata una rinascita del genere e pare aver preso velocemente piede un vivo interesse tra i nostalgici e non. Di questa nuova scossa ne è fautrice in Italia la casa editrice Vincent Books, recentemente acquisita da Raven che sta ripubblicando le opere del noto scrittore Joe Dever (Lupo Solitario, Guerrieri della strada/Freeway Warrior e Oberon)

Edizioni Librarsi, si è impegnata in ristampe di vecchi titoli (la serie Bloodsword per altro riveduta) e nuovi (almeno in lingua italiana) come la serie Terre leggendarie.

La prima offre due possibilità:

  • essere giocata in solitaria interpretando un personaggio o un gruppo di personaggi;
  • affrontarla in compagnia (fino a 4) ognuno guidando il proprio eroe, magari leggendo un paragrafo a testa (che ricordi ragazzi!)

La seconda è un’esperienza “open world“: ogni volume è una zona ben precisa di un vasto mondo, dove svolgere missioni, lavorare, raccogliere oggetti e venderli in modo da far progredire il proprio alter ego, così da renderlo capace di sfide più ardue.

Salani ripubblica in italiano la serie Fighting Fantasy, dalla quale la E.L. a suo tempo aveva portato in Italia alcuni volumi sotto il nome Dimensione Avventura.

La Tombolini editore nella collana Dedalo che propone libri-gioco nostrani, primo dei quali “Il consiglio dei topi” di Mauro Longo, attualmente solo in edizione ereader.

Una bella community dal nome Librogame’s Land che propone anche download file PDF dei volumi non ancora pubblicati in Italia e di produzioni nostrane di libero accesso è al sito :

librogame.net

Non mi dilungo sulle varie regole e meccaniche e tipologie di avventure che spaziano mille generi, ma consiglio vivamente di armarsi di carta, matita e gomma e tuffarsi nell’avventura!

Un modo davvero efficace, a mio modesto avviso, per invogliare la lettura ai bambini/ragazzi e tenerli staccati, almeno per un poco, da smartphone, pc e console.

 

Uno speciale ringraziamento a Marco Zakimos Zamanni, che ha revisionato le nozioni di cui sopra nonostante stesse trascorrendo le vacanze al mare, e a tutte le case editrici che mi hanno concesso l’onore di poterle menzionare.

Le immagini del presente articolo possono essere soggette a copyright. Tutti i diritti sono riservati.

Immagine di copertina proveniente da https://it.dreamstime.com

3 pensieri riguardo “Riscopriamo la lettura

  • 13/08/2018 in 11:07
    Permalink

    ben fatto , ho tutta la vecchia serie di ho 48 anni ma ogni tanto mi torna la voglia di far girare le pagine …saluti Steve

    Risposta
    • 13/08/2018 in 11:49
      Permalink

      E’ proprio vero Steve! Grazie.

      Risposta
  • 15/08/2018 in 6:12
    Permalink

    Concordo.. Ne ho letto solo uno al momento, a tratti, con mio figlio.. E devo ammettere che è un ottimo modo per far lavorare i ragazzi di fantasia (i ragazzi ora nemmeno sanno cosa sia). Ottimo articolo!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.