recensione #114: Sagrada

SAGRADA

Da 1 a 4 giocatori del 2017 30 minuti

Età consigliata da 10

Designer: Adrian Adamescu, Daryl Andrews

Publisher:  Cranio Creations

 

Contenuto:

  • 1 Plancia segnaturni/contapunti
  • 90 dadi a sei facce colorati
  • 4 Plance giocatore
  • Gettoni “favore”
  • Carte obiettivi e utensile
  • Carte “vetrata”
  • Due sacchetti neri di stoffa per i dadi e gettoni

 

Panoramica e descrizione in breve :

Astratto coloratissimo che ci vede mastri vetrai intenti ad assemblare la miglior vetrata. Questo, posizionando dadi colorati sulla propria plancia secondo determinate regole.

Al centro del tavolo il segnaturni e tre carte utensile pescate casualmente.

Presa ognuno la propria plancia, posizionato all’interno lo schema da realizzare e guadagnati di conseguenza “punti favore” in base alla difficoltà, si sceglie il primo giocatore che entra in possesso del sacchetto con i 90 dadi colorati.

 

 

Il sacchetto passerà di mano ad ogni round determinando così il primo giocatore per quel round.

Si estraggono e lanciano tanti dadi quanto il doppio del numero dei giocatori + 1 (in 3 giocatori si pescheranno 7 dadi).

Ogni giocatore avrà due turni da svolgere uno alla volta “a giro” come segue:

Giocatore A – Giocatore B – Giocatore C – Giocatore C – Giocatore B e Giocatore A

Il giocatore di turno potrà scegliere una sola azione tra due completamente facoltative:

  1. prendere e posizionare nella propria plancia un dado
  2. pagare punti favore per un utensile e utilizzarne il “potere”

i poteri della cara utensile permetterà di muovere e posizionare dadi sulla propria plancia contro le normali regole generali.

Solo il primissimo dado di ogni giocatore dovrà essere posto sul perimetro della propria vetrata.

I restanti dovranno essere adiacenti ortogonalmente purché non dello stesso numero o colore, oppure adiacente in diagonale.

Materiali e considerazione finale :

Colorati e semitrasparenti i dadi che ricordano i vetri.

Geniale il contaturni utilizzando il dado che avanza a fine round.

Possibilità di giocare una modalità in solitario con obbiettivo di punteggio.

L’alea c’è ed è notevole, ma mitigata da scelte e utilizzo utensili.

Due plance giocatore molto simili nei colori, avrei optato per un “giallo” più distinguibile.

 

 

VOTO : 8

 

 

Le foto sono state caricate dagli utenti di Boardgamegeek su boardgamegeek.com e possono non riferirsi all’edizione posseduta nella mia collezione. Tutti i diritti di queste sono riservati ai rispettivi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.