Recensione #94 : Not Alone

NOT ALONE

 

Da 2 a 7 giocatori del 2016 da 40 minuti

Età consigliata da 10

Designer: Ghislain Masson

Publisher: MoveTheGame Edizioni

Contenuto:

  • 1 Regolamento
  • 1 piccola plancia segna turni
  • 55 carte “Luogo” ; 20 carte “Caccia”; 15 carte “Sopravvivenza”
  • 18 cubetti “Volontà”
  • 1 cilindro “Soccorsi”; 1 cilindro “Assimilazione”; 1 segnalino “Attivazione”
  • 3 segnalini “Caccia” formato fiche

 

Panoramica e descrizione in breve :

 

Precipitati su un pianeta ostile, giocatori “Sopravvisuti“, dovranno visitare luoghi dello stesso attivandone così gli effetti. Di contro, un giocatore “Creatura” dovrà individuare i luoghi occupati per assimilare gli sventurati.

Disposto il setup iniziale con:

  1. una mano segreta per ogni giocatore “Sopravvissuto” di 6 carte di cui 5 “Luogo” numerate da 1-5 e una “Sopravvivenza”; + 3 cubetti “Volontà”
  2. plancia con segnalini posizionati distanti dal “punto vittoria” in base al numero di giocatori;
  3. segnalino attivazione sul luogo “Spiaggia”
  4. una mano segreta per il giocatore Creatura di 3 carte “Caccia”; + 3 fiches

 

 

 

Il gioco procede per turni. Ogni turno è composto da 4 fasi :

  1. ESPLORAZIONE: Ogni sopravvissuto è obbligato a giocare una carta luogo coperta. Sarà il posto che tale sopravvissuto andrà a visitare. Prima di farlo potrà decidere se perdere uno o due punti volontà per riprendere in mano carte luogo precedentemente giocate. Oppure recuperare tutti e tre i punti volontà e tutte le carte permettendo però alla creatura di avanzare di una posizione sul percorso.
  2. CACCIA: Posizionando i segnalini fiches sopra le carte pianeta, la “Creatura” cercherà di individuare le carte luogo precedentemente giocate dai sopravvissuti.
  3. RISOLUZIONE: I sopravvissuti svelano le carte luogo giocate, lasciandole poi scoperte davanti a se. Se il luogo non ha segnalini caccia il sopravvissuto può attivare il potere del luogo oppure riprendere in mano un luogo dei propri scarti. Altrimenti si applicano gli effetti del segnalino che avvantaggerà la creatura.
  4. FINE TURNO: Si posta il segnalino “Soccorsi” avanti di uno. La “Creatura” pesca carte caccia fino a riaverne 3 in mano.

 

Oltre le carte Luogo, quelle Sopravvivenza per i malcapitati e “Caccia” per la Creatura, possono essere giocate dai rispettivi possessori una sola volta per turno

Materiali e considerazione finale :

 

Bello l’artwork e robuste le carte. Comunque da imbustare e proteggere perché il dorso di quello “Luogo” non deve essere riconoscibile.

Minimal la plancia, ma funzionale allo scopo. Carine le fiches “Caccia” utilizzabili dal giocatore “Creatura“.

Le partite risultano molto equilibrate e la vittoria di una o l’altra fazione non è mai scontata. La collaborazione è sottile e, come per la maggior parte dei giochi, l’esperienza può avere un ruolo fondamentale. Gli effetti delle carte valgono solo per il turno in corso e cambiano di volta in volta le regole facendo risultare il gioco discretamente vario.

Non vi è eliminazione: il sopravvissuto che perdesse l’ultimo punto volontà, resta in gioco tornando alla configurazione iniziale, ma facendo avanzare la Creatura di uno spazio verso il punto vittoria della plancia.

Il titolo si lascia giocare ed il range relativo al numero di giocatori lo rende adatto a più situazioni. Una chicca, divertente e appagante qualsiasi fazione s’interpreti.

 

VOTO : 7,5

Le foto sono state caricate dagli utenti di Boardgamegeek su boardgamegeek.com e possono non riferirsi all’edizione posseduta nella mia collezione. Tutti i diritti di queste sono riservati ai rispettivi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.