Recensione #84 : Scotland Yard

SCOTLAND YARD

Da 3 a 6 giocatori del 1983 da 45 minuti

Età consigliata da 8

Designer: Manfred Burggraf, Dorothy Garrels, Wolf Hoermann, Fritz Ifland

Publisher: Ravensburger

Contenuto:

  • 6 pedine di colore diverso
  • 1 Tabellone
  • 125 biglietti (54 Taxi, 43 Bus, 23 Metro e 5 Black Tickets)
  • un berretto nero con visiera per mister X
  • una tavoletta itinerario
  • 18 tessere start
  • 2 tessere mossa doppia.

Panoramica e descrizione in breve :

Il mio primo gioco a “movimento nascosto“.

Un giocatore è MisterX, che grazie a biglietti Taxi, Bus e Metro cercherà di sfuggire agli altri giocatori guardie, muovendosi tra punti numerati in una mappa di Londra.

 

Su un apposito taccuino, MisterX segnerà ogni movimento, andando ad annotare il numero della casella di arrivo e con quale mezzo lo ha raggiunto. Avrà a disposizione dei gettoni speciali come il muovere due volte o nascondere il mezzo utilizzato. Ad intervalli regolari però dovrà “mostrarsi” indicando il punto preciso della mappa dove è.

Qualora uno degli gli agenti, durante la partita, sostasse sulla casella dove è MisterX, quest’ultimo sarà arrestato e il gruppo agenti vincerà la partita. MisterX vincerà, al contrario, se gli agenti termineranno i propri biglietti non potendo più muoversi sulla mappa.

Materiali e considerazione finale :

Benché nutrito da linee, cerchi e colori, il tabellone è comprensibile.

Senza lode ne infamia. Tutto è funzionale e di cartoncino resistente. La mia versione contiene un cappello da baseball nero, che ha il compito di non far intuire agli agenti dove MisterX rivolge il proprio sguardo sul tabellone, così da non fornire indizi.

Vincitore nel 1983 dello Spiel des Jahres.

VOTO :

Le foto sono state caricate dagli utenti di Boardgamegeek su boardgamegeek.com e possono non riferirsi all’edizione posseduta nella mia collezione. Tutti i diritti di queste sono riservati ai rispettivi proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.