Recensione #32 : Camel up

CAMEL UP

camelDa 2 a 8 giocatori del 2014 da 30 minuti

Età consigliata da 8+

Designer: Steffen Bogen
Artist: Dennis Lohausen
Pubblicato da Uplay.it

Regolamento e descrizione in breve:

E’ un gioco di scommesse su corsa di cammelli e fortuna. Possiamo tentare di gestire un poco le cose, ma vincerà probabilmente quello baciato dalla dea bendata. Scopo del gioco è essere il più ricco a fine corsa.
Ad inizio partita si ricevono 3 monete ciascuno. Con un primo lancio dei dadi colorati, muoviamo i cammelli del relativo colore di tante caselle quanto il risultato del dado associato. I cammelli sulla stessa casella devono essere posizionati uno sopra l’altro. Quello più alto sarà in posizione di vantaggio rispetto a quello sottostante. I dadi vengono poi inseriti dentro una piramide di cartone.
La gara procede a “tappe” scandite dal lancio di tutti i dadi. La gara termina appena un cammello taglia il traguardo. Al termine di ogni “tappa” vengono riscosse dai giocatori le proprie scommesse vincenti (o no).
Ad ogni turno il giocatore può effettuare una sola delle seguenti azioni:
  • prendere una tessera piramide, a fine tappa farà guadagnare una moneta ogni tessera presa. Questa azione permette di lanciare un dado estratto casualmente dalla piramide, il quale farà muovere il cammello del colore relativo. Particolarità è che se il cammello da muovere avesse altri cammelli impilati sopra se li porterà dietro!
  • prendere una tessera “scommessa” per ipotizzare sulla classifica di fine “tappa”
  • posizionare la propria carta personaggio scommettendo sul vincitore o sull’ultimo classificato dell’intera gara.
  • posizionare la tessera oasi/miraggio sul tracciato
camel02

Nel muovere il cammello, se arriva su una casella già occupata,lo stesso sarà posizionato sopra al cammello (o pila di cammelli) già presente.  Se sulla casella è posizionata una tessera “oasi” avanzerà di un’ulteriore spazio facendo guadagnare a chi ha giocato l’oasi dei soldi; se sulla casella è posizionata una tessera “miraggio” retrocederà di una casella (sempre portandosi dietro i cammelli che ha sopra. I questo caso, il cammello, con la sua pila se presente, saranno posti sotto l’eventuale cammello o pila di cammelli presente. Terminato lo spostamento, il dado viene posto nel corrispondente alloggio della plancia. Sarà così possibile sapere quali cammelli devono ancora essere estratti.

A fine tappa chi ha “tessere scommessa di fine tappa” si guadagneranno monete se il cammello scelto si classificherà primo (da 5 a 2 monete) o secondo (1 moneta) nella classifica parziale: in caso di errore, si perderà una moneta.

Scommettere sul posizionamento finale farà guadagnare diverse monete e saranno distribuite in base al primo giocatore che avrà scommesso su quel cammello. E’ possibile puntare su più cammelli diversi.
Quando tutti i cammelli avranno effettuato uno spostamento, si guarda la classifica parziale di tappa, poi tutti i dadi saranno posizionati nuovamente nella piramide, verranno ritirate dal tracciato le tessere oasi/miraggio e si procederà ad una nuova tappa.
Appena un cammello taglia il traguardo la corsa termina immediatamente (anche se restano dadi da estrarre). Si pagano le scommesse di tappa e quelle finali e vince chi avrà più soldi.

Materiali:

La plancia è ben disegnata e comprensibile nei posti relativi ai vari alloggi di dadi, carte e tessere. La “piramide estrai dado” è incline all’usura. Nulla vieta di porli dentro un sacchetto ed estrarli in stile tombola, ma la presenza della piramide al centro della plancia è bellissima.

Soldi e tessere in cartoncino spesso. Ottimo.

Carini i disegni.

Considerazione finale :

Il gioco è troppo incentrato sulla fortuna, ma come sempre dipende dal gruppo di gioco e cosa ci si prefigge a inizio serata. Ogni volta che l’ho proposto ha riscosso un bel successo. Se non si ha voglia di pensare troppo e non ci dispiace farsi guidare dalla sorte, Camel UP regala un’oretta (perché tanto 2 partite si fanno!) di sincero divertimento.

VOTO : 7,5 

Foto sono state caricate dagli utenti di Boardgamegeek su boardgamegeek.com e possono non riferirsi all’edizione posseduta nella mia collezione. Tutti i diritti di queste foto sono riservati ai rispettivi proprietari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.