Recensione #24 : Sherlock Holmes: Consulente Investigativo

Sherlock Holmes: Consulente Investigativo

shinvest

Da 1 a 8 giocatori del 1981

Moltissimo testo nel gioco.

Età consigliata da 10+

Designer: Raymond Edwards, Suzanne Goldberg, Gary Grady
Artist: Arnaud Demaegd, Nils Gulliksson, Neriac, Stefan Thulin
Pubblicato in Italia da Asterion Press

Contenuto:

  • 1 Mappa di Londra
  • 10 diverse missioni
  • 1 Annuario di Londra
  • 10 quotidiani Times
  • Regolamento

Regolamento e descrizione in breve:

Questo gioco può essere affrontato in maniera collaborativa (lo preferisco) da parte dei giocatori che decideranno assieme le strade da intraprendere e faranno di patrimonio comune le proprie scoperte, oppure competitiva uno contro l’altro mantenendo pertanto segrete piste e indizi comparando solo al termine l’esito delle loro conclusioni per capire chi tra loro è andato più vicino alla soluzione.

Slide4Decisa la missione, si pone al centro la mappa di Londra e si prende la copia del Times della data riportata sulla missione più tutte quelle precedenti. Infatti una delle particolarità è che le missioni sono in senso cronologico, distinte sì una dall’altra, ma è possibile trovare indizi anche in copie dei giornali di giorni precedenti.

Leggiamo tutti assieme l’incipit della missione, Sherlock Holmes ci proporrà un caso da risolvere. Adesso abbiamo completamente “carta bianca“! Nel vero senso della parola perché è consigliabile appuntarsi ogni cosa possibile su un foglio.

I giocatori, grazie alla mappa e all’annuario che riportano numeri di paragrafi, possono “recarsi” in luoghi o da persone al fine di reperire indizi e imbastire interrogatori. Come lo fanno? Semplicemente andando a leggere sul libro missione che si sta giocando, il paragrafo relativo alla persona o al luogo.

Si gioca quanto si vuole. Quando si pensa di aver scoperto il necessario, sulle ultime pagine del libro missione, Sherlock ci porrà delle domande. In base alle nostre risposte e al numero di paragrafi letti (meno sono meglio è) otterremo un punteggio.

Materiali:

E’ tutta carta, potrebbe pertanto risentire dell’usura, ma la rigiocabilità è talmente bassa da non arrecare preoccupazioni in tal senso. Io ho persino arricchito con una bella lente d’ingrandimento tanto per “far scena”.

Considerazione finale :

Nella top 5 dei miei giochi preferiti. Un misto tra “Libro Game” (ah – sospiro- … i mitici anni ’80/’90!) e gioco di ruolo. E’ vero, la missione giocata non può essere riproposta se non dopo molto tempo, ma è una lacuna che minimamente m’infastidisce: addirittura starei a guardare persone giocare, magari leggendo i paragrafi stile voce narrante. L’esperienza ludica è appagante e la sfida per dipanare i misteri è alta.

VOTO : 9,5

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.