Recensione #2 : Il Sesto Senso

IL SESTO SENSO 

 

Il_Sesto_SensoDa 2 a 7 giocatori nuova edizione del 2016

Casa editrice italiana : Uplay.it Edizioni

Nessun testo nel gioco : indipendente dalla lingua

Età consigliata da 8+

Autori : Oleksandr Nevskiy – Oleg Sidorenko

Contenuto:

  • 6 sfere colorate e relativi cartoncini personaggio
  • un contaturni e relativo token
  • 156 carte grandi
  • 36 carte piccole
  • Schermo per il fantasma
  • Regolamento

Regolamento e descrizione in breve:

Il gioco è un collaborativo. Un giocatore ha il ruolo di “fantasma” il quale non può parlare (se non a fine partita giustificando le proprie scelte), gli altri interpretano il ruolo di medium/sensitivi/investigatori i quali collaborano assieme cercando di decifrare i loro sogni.
L’ambientazione, infatti, vorrebbe che il fantasma di un antico maniero, perché possa raggiungere la pace eterna, comunichi in sogno ai medium cercando di far loro capire CON COSA, DOVE e CHI ha commesso un grave crimine, tramite immagini su “carte sogno”.
Per farlo ha 7 turni (7 “notti” = una settimana).

A conoscenza del solo fantasma, ogni medium ha assegnato un trittico di carte :

1 COSA – 1 DOVE – 1 CHI

Sul tavolo, a faccia in su mescolate, vengono poste oltre tutte le carte COSA – DOVE e CHI corrispondenti a quelli assegnati ai medium, altre carte COSA – DOVE – CHI aggiuntive in base alla difficoltà scelta.

Il fantasma dovrà far indovinare ad ogni medium il proprio trittico COSA – DOVE – CHI, per avere il quadro della situazione sui presenti la sera del delitto nel maniero.
Poi, in un sogno comune a tutti, far capire quale trittico è quello “definitivo” e relativo al reale colpevole.

TURNO DI GIOCO ( UN GIORNO )
Il fantasma pesca tante carte dal mazzo “carte sogno”, che riportano illustrazioni molto fantasiose, fino ad averne un totale di 7. Tra queste può selezionarne quante desidera e consegnarle ad un medium a sua scelta.
Nel primo turno il fantasma dovrà far indovinare ad ogni medium la carta CON COSA al medium specifico (che solo il fantasma conosce).
Solo a chi ha indovinato il CON COSA, il fantasma dovrà, al turno successivo cercare di far capire il suo DOVE e seguentemente il CHI.
Consegnate le carte ad un medium ne pesca altrettante per riportare la sua mano a 7, sceglie un altro sensitivo e si prosegue fino a che tutti i medium hanno carte sogno.

L’associazione “carta sogno” – > Carta da indovinare è esclusivamente a discrezione del fantasma, che può associarla per un dettaglio, per colore o per qualsiasi cosa la sua mente (malata) ritenga opportuno.

Adesso ognuno dei sensitivi, anche discutendo con gli altri, pone il proprio segnalino (una sfera di cristallo del proprio colore) sopra la carta COSA ( o DOVE / CHI se deve indovinare una di queste).
Quando tutti avranno espresso il loro “voto”, il fantasma rivela ad ognuno se la decisione è giusta o meno.
Termina il turno ne segue un altro.

Una volta che tutti i trittici sono stati indovinati, ricordo che si collabora ( ! ), casualmente il fantasma pesca una carta medium per capire quale trittico far indovinare.
Con la stessa meccanica consegnerà a tutti le medesime “carte sogno” per far indovinare l’ultimo enigma.

O si vince tutti (fantasma compreso) o si perde tutti.

Materiali:

Le carte sono di buona telatura e hanno un artwork meraviglioso, le sfere presentano crepe non piacevoli, lo schermo è utile e funzionale.

Considerazione finale :

Gioco per tutti, piace anche a mio nipote di 5 anni. Consiglio vivamente una colonna sonora di suspance e di giocare in una stanza non illuminatissima. L’ambientazione ne gioverà!

Le carte sogno hanno immagini dettagliate, colorate e molto fantasiose. L’associazione con quello da indovinare sarà a discrezione del fantasma il quale sicuramente non adopererà il medesimo ragionamento dei medium. Dato il numero di carte e il fatto di poter far interpretare il fantasma da persone diverse in diverse partite rende il tutto molto rigiocabile e diverso di volta in volta.

VOTO : 7,5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.