Recensione #1 : The Game

THE GAME : Gioca finché puoi.

the-game

Da 1 a 5 giocatori del 2016

Casa editrice italiana : DV Giochi

Nessun testo nel gioco : indipendente dalla lingua

Età consigliata da 8+

Autore : Steffen Benndorf

 

 

Contenuto:

  • 98 carte numerate da 2 a 99
  • 4 carte ( 2 con un 1 e 2 con un 100) con l’ordinamento da seguire
  • 6 carte per l’espansione “On Fire”
  • Regolamento

Regolamento e descrizione in breve:

Il gioco è un collaborativo. Lo scopo (nella migliore delle ipotesi) è quello di terminare sia le carte del “mazzo di pesca”, sia quelle della propria mano .

Si pongono sul tavolo le 4 carte 1 e 100. Sotto di queste saranno poi giocate carte creando pertanto 4 mazzetti, ognuno con un proprio valore “in cima” che muterà nel corso della partita. Formiamo un mazzo ben mischiato con quelle numerate da 2 a 99, e lo su pone a faccia in giù facilmente raggiungibile da tutti i partecipanti. Dipendentemente dal numero di giocatori (8 se in solitario) si pescano un tot di carte da questo mazzo.

Le carte pescate sono di conoscenza esclusivamente di chi le possiede. Si potrà parlare con frasi del tipo : “non giocare su questo mazzetto” – “non giocare un numero alto su questo mazzetto”, ma in nessun modo potremo far riferimento ai valori delle carte che avremo in mano.

Il gioco procede a turni. Nel proprio turno il giocatore DEVE collocare ALMENO 2 carte col valore “mostrato a tutti” della propria mano. Potrà farlo su qualsiasi dei 4 mazzetti sulla base di queste 2 semplici (malefiche) regole :

  • Sotto i mazzetti 1 potranno essere giocate carte con ordine crescente, mentre sotto quelle 100 in ordine decrescente, attribuendo così un nuovo valore a quel preciso mazzetto.

Es. Se in testa ad uno dei mazzetti 1 c’è un 45 sarà possibile collocarvici solo una carta con valore superiore a 45. Se in testa ad uno dei mazzetti 100 c’è un 32 sarà possibile collocarvici solo una carta con valore inferiore a 32

  • Sarà possibile giocare una carta nell’ordine inverso alla regola principale, solo se questa avrà un valore pari a 10 esatte unità di differenza.

Es. Se in testa ad uno dei mazzetti 1 c’è un 45 sarà possibile collocarvici solo una carta con valore superiore a 45 oppure il 35. Se in testa ad uno dei mazzetti 100 c’è un 32 sarà possibile collocarvici solo una carta con valore inferiore a 32 oppure il 42.

Una volta posizionate le proprie 2 o più carte, il giocatore riporta la sua mano al valore iniziale pescando “dal mazzo di pesca”, al termine del quale i giocatori, nel proprio turno, DOVRANNO calare ALMENO 1 carta (non più due).

Materiali:

Le carte sono di buona telatura, ma essendo colorate di nero potrebbero con il tempo “scolorire”. Niente di trascendentale. La scatola piccola e portatile lo rende un filler ottimo. Anche in solitario è gradevole. Costo contenuto.

Considerazione finale :

Questo gioco è un bastardo. Ti prende, devi “risolverlo”. Pare facile, e per le regole lo è in effetti, ma concluderlo vincendo è estremamente raro. La fortuna dice la sua, c’è la pesca casuale delle carte, non ci si può fare nulla. In collaborativo, se ognuno prova a ricordarsi una determinata decina delle carte che son passate potrebbe essere utile. Si rischiano offese pesanti 😀

Consiglio di giocare le carte +10 -10 di valore in modo da ritornare ad avere una forbice decente.

VOTO : 8,5 … giocate finché potete.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.